Cerca nel blog

Menù

venerdì 18 luglio 2014

Andata secondo turno e sorteggi terzo turno preliminare coppe europee: uno Stjarnan "rigoroso" salva la faccia all'Islanda, il Víkingur Gøta sorprende i norvegesi.

Zero vittorie: è l'amarissimo risultato dell'andata del secondo turno preliminare delle coppe europee. Non che le speranze in realtà fossero molte, vista la caratura delle avversarie. Però non è il caso di suonare le campane a morto, perché, fatta eccezione per l'HB, le possibilità di un ritorno da leoni ci sono tutte, ma i giocatori dovranno profondersi interamente. E chissà se basteranno le motivazioni date da un sorteggio per il terzo turno che potremmo definire derisorio basteranno...
Screenshot del quadro completo dei sorteggi per il terzo turno della Champions League: da queste usciranno coloro che accederanno ai play-off di Champions se vincitrici, di Europa League se sconfitte. Arrivare a questo turno sarebbe di vitale importanza,anche perché per ironia della sorte gli avversari di KR e HB sarebbero meno ostici di quelli attuali... 

Partiamo come nostro solito dalla Champions, per scacciare subito i cattivi pensieri offerti dai risultati: fa male, ma era anche il risultato più scontato, il naufragio dell'HB Tórshavn a Belgrado. L'iceberg del Titanic faroese si chiama Danko Lazović, attaccante che s'è girato l'Europa tra Bayer Leverkusen, PSV e Zenit tra le tante, prima di tornare a casa a gennaio. Ed è proprio lui ad inaugurare la nuova stagione dei vicecampioni serbi con una prestazione superlativa contro i rossoneri: due gol (14° e 64°) e un assist per la rete di Petar Škuletić (71°) che stendono gli uomini di Askham, togliendo loro quasi tutte le speranze per il ritorno. Ma all'HB va peggio di tutti semplicemente perché il KR ha mostrato al tempo stesso buona resistenza e fortuna sfacciata, che alla fine si è però ritorta contro: i bianconeri hanno tenuto benissimo il campo contro i favoritissimi avversari, ma non hanno fatto altro che difendersi e difendersi fino allo stremo delle forze, costringendo un pur eroico Stefán Logi Magnússon a capitolare. Il Celtic ha dominato nel primo tempo, colpendo in avvio una traversa con Kris Commons, che sarà tra i migliori in campo insieme al portiere ex Bayern Monaco (dove però non ha raccolto nemmeno una presenza). Al 61° è Leigh Griffiths che colpisce la traversa, ma è solo il preludio all'azione personale di Callum McGregor che all'84° semina i difensori islandesi e con un diagonale rasoterra fulmina un Magnússon incolpevole perché non ha nemmeno il tempo di tuffarsi. Volendo dare l'HB per spacciato, per il KR non è finita: il ritorno non si giocherà al temibilissimo Celtic Park, per cui l'ambiente potrà influire solo relativamente. Inutile girarci intorno, c'è bisogno di  un'impresa storica in Scozia.

Impresa quasi-storica che riesce in Europa League al Víkingur Gøta, capace non solo di neutralizzare il Tromsø, ma anche di potersi permettere di volare all'Alfheim Stadion senza la necessità della vittoria, visto che lo 0-0 vanifica la regola dei gol fuori casa. Per poter passare al terzo turno basteranno tutti i pareggi con almeno un gol (1-1, 2-2 etc.) per qualificarsi al terzo turno: questo riscriverebbe la storia del calcio faroese, giacché nessuna squadra faroese ha mai superato due turni in qualsiasi competizione europea, anche quelle oggi scomparse come per esempio la Coppa delle Coppe. L'impresona, però, la fa lo Stjarnan: in casa del Motherwell, dopo il gol clamorosamente mancato di testa da Veigar Páll Gunnarsson a tu per tu con la porta al 4°, gli azzurri soffrono la dinamicità scozzese e cinque minuti dopo si ritrovano in svantaggio per il tap-in vincente di Josh Law, che dopo altri dieci minuti raddoppia a causa di un disgraziatissimo errore in fase di possesso. Gli islandesi sono al  tappeto e subiscono ancora gli Steelmen, che però al 35° vedono assegnarsi un rigore contro per un fallo di mano di Leith Lasley, che viene pure ammonito. La realizzazione di Ólafur Karl Finsen spiana la strada ad un finale di primo tempo scoppiettante, con un'altra occasione a testa. Nella ripresa, la situazione non cambia, con il Motherwell che continua a produrre gioco e palle-gol e lo Stjarnan che spreca le (poche) occasioni d'oro che ha. Nel concitatissimo ultimo minuto di recupero, il Motherwell ha prima il pallone del 3-1 e poi subisce il contropiede che si conclude con l'atterramento di Hördur Árnason ancora da parte di un folle Lasley, che di fatto regala ancora a Finsen il 2-2. La doppietta su rigore permetterà allo Stjarnan di poter gestire il risultato, che essendo stato riacciuffato per i capelli su un campo ostico non va sprecato.

Non ci dilungheremo troppo sulla spedizione dell'FH a Hrodna, dove i vicecampioni d'Islanda vanno avanti al 55° grazie alla punizione di Kristján Gauti Emilsson seguita poco dopo da un rigore segnato da Pavel Savitski per un fallo di Jonathan Hendrickx, che si becca un rosso per fallo da ultimo uomo: giusta l'espulsione, ma il fallo inizia fuori dall'area! E l'arbitro addirittura fischia prima ancora che il fallo si completi! Che per caso il direttore di gara sia un veggente? Il giocatore, comunque, ovviamente cade dentro l'area e il signor Danauskas (nato in Lituania, confinante ad est proprio con la Bielorussia) concede il penalty. Ovviamente i bielorussi si guarderanno bene dal far rivedere l'episodio alla moviola... Per l'FH l'inferiorità numerica è uno stimolo e infatti la differenza qualititativa si vede,  ma nel finale il Neman va vicinissimo al 2-1. Il pareggio regala ai Nostri un leggero vantaggio, che però sarà difficilmente difendibile in Islanda viste le ottime doti da bravi bugiardi degli avversari.

Oggi, comunque, si sono tenuti anche i sorteggi per l'eventuale terzo turno preliminare. Troverete tutti gli accoppiamenti dopo i risultati. Anticipiamo soltanto che il Nõmme Kalju potrebbe eventualmente trovarsi di nuovo davanti una squadra islandese dopo aver estromesso il  Fram al primo turno di Europa League.

P. S. Se riguardate il video di Neman-FH, fermate il video al minuto 1:12. Vedrete il contatto sulla linea di porta, con le gambe del giocatore che subisce il fallo vistosamente fuori dall'area, e l'arbitro che subito indica il dischetto.

Champions League
Andata del secondo turno preliminare
Martedì, 15 luglio 2014


Belgrado (Serbia), Stadio Partizan, ore 20:45 (ore 20:45 locali)

Partizan Belgrado (SRB) - HB Tórshavn (FRO) 3-0
Arbitro: Sven Bindels (LUX)
Reti: 14° e 64° Danko Lazović (PAR), 71° Petar Škuletić (PAR)
Highlights: cliccate qui 

Reykjavík, KR-völlur, ore 21:00 (ore 19:00 locali)
KR Reykjavík (ISL) - Celtic (SCO) 0-1
Arbitro: Andreas Pappas (GRE)

Rete: 84° Callum McGregor (CEL)
Highlights: cliccate qui 


Europa League
Andata del secondo turno preliminare
Giovedì, 17 luglio 2014


Hrodna (Bielorussia), Neman Stadium, ore 19:00 (ore 20:00 locali)
Neman Hrodna (BLR) - FH Hafnarfjörður (ISL) 1-1
Arbitro: Nerijus Dunauskas (LTU)
Reti: 55° Kristján Gauti Emilsson (FH), 65°Pavel Savitsk (rig, NEM)
Highlights: cliccate qui

Toftir, Svangaskarð, ore 20:00 (ore 19:00 locali)
Víkingur Gøta (FRO) - Tromsø (NOR) 0-0
Arbitro: Radu Petrescu (ROU)
Reti: -
Highlights: cliccate qui

Motherwell (Scozia), Fir Park, ore 20:45 (ore 19:45 locali)
Motherwell (SCO) - Stjarnan (ISL) 2-2
Arbitro: Michael Johansen (DEN)
Reti: 9°e 19° Josh Law (MOT); 35° e 90+2° Ólafur Karl Finsen (rigori, STJ)
Highlights: cliccate qui

Sorteggi terzo turno preliminare Champions League
Legia Varsavia (POL)/ St Patrick's Athletic (IRL) - KR Reykjavík (ISL)/ Celtic (SCO)
Ludogorets (BUL)/ F91 Dudelange (LUX) - Partizan Belgrado (SRB)/ HB Tórshavn (FRO)

Sorteggi terzo turno preliminare Europa League
Motherwell (SCO)/ Stjarnan (ISL) - Nõmme Kalju (EST)/ Lech Poznań (POL)
Elfsborg (SWE)/ Inter Baku (AZE) - Neman Hrodna (BLR)/ FH Hafnarfjörður (ISL)
Víkingur Gøta (FRO)/ Tromsø (NOR) - Rijeka (CRO)/ Ferencváros (HUN)

4 commenti:

  1. thefootballwelike20 luglio 2014 19:37

    Tutto sommato per me è stato un turno abbastanza positivo.
    Se FH e Stjarnan passassero, e se si confermassero i risultati delle potenziali avversarie(difficile, però almeno 1/2 è più che possibile, soprattutto per l'Inter Baku), il Terzo Turno sarebbe più che giocabile, anche se le Azere non sono da sottovalutare.
    Ho visto gli highlights di Vikingur - Tromso, e la squadra di casa, nonostante due grandi parate del proprio portiere, poteva anche vincerla, ha forse avuto più occasioni e ne ha mancata una enorme all'ultimo, anche se comunque vedo il Tromso favorito per il ritorno (in ogni caso al Terzo Turno poche speranze).
    Ho visto anche il finale di Neman-KR, ed i Bielorussi, 11 vs10, non mi hanno particolarmente impressionato.
    Per il KR vedo speranze infinitesimali, in ogni caso credo sia impossibile l'accoppiata KR-St. Pats al terzo turno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo sul fatto che un eventuale terzo turno sarebbe più facile del secondo, sul quale sospendo il mio giudizio. Per ora, esclusa la prevedibile catastrofe in Champions (quest'anno l'urna è stata malvagia), è un turno potenzialmente anche più positivo del secondo, ma siamo sul filo del rasoio e basta un nulla per trasformarlo in una Caporetto.
      Per quanto riguarda le squadre prese singolarmente è cruciale la partita dello Stjarnan: estromettere il Motherwell significherebbe tantissimo, più di una eventuale vittoria dell'FH. Certo, quella del KR aprirebbe all'Islanda le porte del paradiso, ma per questo temo che dovremo aspettare un altro po'...

      Elimina
  2. Ciao Francesco, devo dire che il risultato premia il KR oltremodo, ma la buona notizia e' che finalmente Kristinsson schiera Finnbogason e Atlason dal primo minuto, cosa che stranamente ripeterà in campionato ed infatti porta per la prima volta in campionato quest'anno il KR in vantaggio al primo tempo. Il ritorno , a meno di una fortuna sfacciata, porterà l'eliminazione del KR com'e dell'1dell'1 HB , pero' sono molto fiducioso sulle compagini impegnate in Europa League e direi che un tre su tre e' quantomai possibile!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alby, ti dirò che a me le squadre fortunate in genere non stanno molto simpatiche, però per battere il Celtic l'unica soluzione è affidarsi alla sorte. Speravo infatti che il cambio tecnico avesse un po' disorientato gli scozzesi, ma a quanto pare il divario è troppo netto per essere colmato dal diverso tempo a disposizione degli allenatori. Io spero nel miracolo, ma in tutta sincerità non ci credo proprio... In Europa League le possibilità per riscrivere un po' di storia calcistica ci sono tutte...

      Elimina